Pagina 1 di 1

Inocybe proximella P. Karst.

Inviato: mer 19 ott 2011, 18:12
da Pino
Ciao a tutti,
Credetemi, quando lavoravo, avevo più tempo per il Forum! :oops: :D
Comunque i funghi non li ho trascurati e adesso, anche se con molto ritardodalla raccolta, ho iniziato a dargli un'occhiatina ( tempo permettendo.

Come da titolo vi presento una Inocybe raccolta in luglio a Lavarone (1000 mt. circa), mi ha colpito per i colori abbastanza scuri, più sul grigiastro che sul nocciola, tanto da sembrare, visti in lontananza quasi degli Entoloma.

lo studio di questi esemplari mi ha portato a Inocybe goniopusio,

le misure:

Le spore sono leggermente gibbose le misure medie sono: 9,64 x 7,44 µm il Q=1,3
I cistidi sono di varie forme con parete abbastanza sottile ammonio positive le misure medie sono: 55,57x23,97 µm parete= 1,58 µm.
Caulocistidi non rilevati
Di seguito le foto. :bye: :bye:

Re: Inocybe proximella P. Karst.

Inviato: mer 19 ott 2011, 18:13
da Pino
I carpofori

Re: Inocybe proximella P. Karst.

Inviato: mer 19 ott 2011, 18:14
da Pino
le spore

Re: Inocybe proximella P. Karst.

Inviato: mer 19 ott 2011, 18:17
da Pino
I cistidi

Re: Inocybe proximella P. Karst.

Inviato: mer 19 ott 2011, 18:17
da Pino
Altri cistidi

Re: Inocybe proximella P. Karst.

Inviato: mer 19 ott 2011, 19:21
da Mario
Ciao Pino,
il gambo con le sfumature violette e le spore gibbose portano indubbiamente alla Sottosezione delle Ionipedinae e, fra le specie in essa contemplate, la presenza dell'umbone ed il rivestimento fibrilloso configura la tua determinazione come quella più plausibile. Trovo qualche perplessità nella forma delle spore, in letteratura più quadrangolari o subromboidali con gibbosità sparse, e nelle dimensioni medie delle spore stesse che, in questa raccolta, mi sembrano abbastanza grandi. Tutto il resto sembra quadrare.
Sarà interessante conoscere il parere dei nostri colleghi.
Con amicizia
:bye:

Re: Inocybe proximella P. Karst.

Inviato: sab 22 ott 2011, 20:44
da Pat
j'avoue également ma perplexité..d'un point de vue macro, ils n'ont pas la silhouette grêle de I. pusio ( rappelons-nous que Stangl a dit que, sur le terrain, il avait confondu la récolte type avec I. pusio..), les tons violets sont absents de la photo, et la base du stipe n'est pas jaunâtre...et, comme le signale Pino, les spores ne vont pas bien..
A première vue, j'aurais dit I.transitoria ou napipes..

patrice

Re: Inocybe proximella P. Karst.

Inviato: dom 23 ott 2011, 7:53
da mycomons
napipes non mais un Cortinatae oui
Et pourquoi pas transitoria en effet

Re: Inocybe proximella P. Karst.

Inviato: dom 23 ott 2011, 22:00
da Pat
tiens, tiens, "mycomons", voilà un pseudo bien mystérieux, et qui ne me rappelle absolument rien ;o))) bienvenu :applause:

j'ai enlevé la dominante bleue, qui est peut-être à l'origine de la suggestion de I. goniopusio..
Inocybe goniopusio.jpg
Inocybe goniopusio.jpg (134.73 KiB) Visto 5381 volte
amicalement

patrice

Re: Inocybe proximella P. Karst.

Inviato: lun 24 ott 2011, 1:12
da Pino
Benvenuto Mycomons,

Su Inocybe transitoria la descrizione del cappello e l'abitat, su Stangl, non quadra con i miei ritrovamenti.
Il Cappello viene descritto con umbone arrotondato e poi appianato, nella foto si vede che l'umbone è acuto,
I. transitoria viene data su quercia e nocciolo mentre io li ho rinvenuti su bosco di Abete rosso.
Però anch'io non sono certo della mia determinazione quindi proviamo a ragionarci ancora, se volete.
GRAZIE
Con simpatia.

Re: Inocybe proximella P. Karst.

Inviato: lun 24 ott 2011, 12:03
da Mario
Nel mio monitor vedo toni violetti.............ma questo non ha valore, potebbe essere colpa del monitor; comunque mi sento di escludere che in questa raccolta vi siano caratteristiche tipiche di una Napipedina: Discutiamone!
Con amicizia
:bye:

Re: Inocybe proximella P. Karst.

Inviato: mar 25 ott 2011, 10:50
da Pat
Il est alors possible qu'il s'agisse de I. striata. Rappelons-nous que Kuhner l'avait confondu avec I.acuta, ce qui indique bien que sa silhouette est également conique, et ce taxon peut posséder des tons carnés au sommet du stipe, ce qui pourrait mieux correspondre aux observations de Pino et Mario. striata possède un pied grossi à la base, sans qu'on puisse parler de bulbe, et la micro me semble correspondre..

patrice

Re: Inocybe proximella P. Karst.

Inviato: gio 27 ott 2011, 16:06
da Mario
Ciao Pat, potrebbe essere proprio Inocybe striala (= Inocybe acuta) ; è molto probabile!
Con amicizia
:bye:

Re: Inocybe proximella P. Karst.

Inviato: gio 27 ott 2011, 19:21
da Pino
Se non ci saranno altri interventi nei prossimi giorni provederò a cambiare il titolo.

Grazie.

Re: Inocybe proximella P. Karst.

Inviato: dom 13 dic 2015, 13:21
da enrico52
Mi spiace (dover) riprendere questo topic, che non conoscevo, e che ho individuato casualmente oggi facendo una ricerca in rete: è bene correggere le vecchie cose, se abbiamo argomenti validi, e oggi li abbiamo.

Dunque questa bellissima raccolta, postata dal mio fraterno amico Costiniti, non è altro che una delle specie più frequenti nelle conifere di montagna, e oggi deve essere chiamata indiscutibilmente Inocybe proximella.

Riporto per semplicità alcune notizie tratte da:
K. Kokkonen & J. Vauras, 2011: Eleven new boreal species of Inocybe with nodulose spores. Mycological Progress 11 (1)

Specie con base bulbosa, salici ………………………………………………………………….. I. acuta (= acutella)
Specie con base non bulbosa, pecci …………………………………………….………….. proximella (= striata)

Inocybe acuta Boud. 1917
= I. acutella Bon 1976
Si tratta di una specie con umbone prominente e scuro; gambo scuro, pruinoso all’apice con bulbo basale biancastro; spore giallo-brune piuttosto scure; associala a salici, assieme a muschi.

Inocybe proximella P. Karst. 1882 *
= I. striata Bres. 1930
= I. umbrinodisca Kühner 1988
Si tratta di una specie molto variabile e con ampia distribuzione. E’ in apparenza tipicamente piuttosto robusta, il cappello è debolmente fibrilloso e piuttosto grigio-bruno pallido, spesso possiede tinte ocra alla base del gambo; le spore sono abbastanza grandi con noduli piuttosto larghi; caulocistidi sommitali con apice affusolato-mucronato; in boschi di conifera.

Pertanto, dopo lo studio di Vauras, si è finalmente potuto chiarire che:
1) I. acuta Boud. e I. striata Bres. non sono conspecifiche
2) I. acutella è un sinonimo posteriore di I. acuta
3) quella che comunemente chiamavamo I. striata (foto argomento in oggetto) ora si deve chiamare I. proximella.

Sono contento di aver avuto la possibilità di dire una parola su questa specie comunissima, che incontriamo abbondantemente in tarda primavera - inizio dell'estate e che rimane sul terreno per uno/due mesi, rarificandosi sempre più verso fine estate-primi autunno.

Chiedo formalmente, se possibile, di modificare il titolo della discussione in: Inocybe proxilella, nome corretto per I. striata.

Ciao e grazie a chi potrà attivarsi per questo.

enrico bizio

Re: Inocybe proximella P. Karst.

Inviato: lun 14 dic 2015, 23:30
da Micogian
Titolo modificato da Inocybe goniopusio in Inocybe proximella P. Karst. come indicato da Enrico Bizio.
Grazie Enrico.

Gianni :bye: